L’Oscura Connessione tra Pressione sugli Obiettivi e Frodi Aziendali

freestocks-I_pOqP6kCOI-unsplash

L’Oscura Connessione tra Pressione sugli Obiettivi e Frodi Aziendali

Introduzione
Nell’ambiente dinamico e competitivo delle imprese moderne, la ricerca di obiettivi e
target rappresenta un aspetto fondamentale che stimola la performance e la crescita. Le
aziende stabiliscono obiettivi come punti di riferimento guida, motivando i dipendenti ad
eccellere e raggiungere nuove vette. Tuttavia, esiste una sottile linea tra la definizione di
obiettivi ambiziosi e la creazione involontaria di un ambiente favorevole alle frodi aziendali.
Il fenomeno in cui la pressione per raggiungere gli obiettivi degenera, dando vita a
comportamenti non etici, presenta un enigma complesso che richiede di essere esplorato.
Questo articolo approfondisce come la pressione per raggiungere obiettivi possa creare un
ambiente favorevole alle attività fraudolente all’interno delle organizzazioni, esaminando
le dimensioni psicologiche, etiche e strutturali.


Ambiente da Pressione: Dimensioni Psicologiche
Al cuore della connessione tra pressione e frodi giacciono le intricate sfumature
psicologiche del comportamento umano. La forte spinta a raggiungere obiettivi può
esercitare uno stress tremendo sui dipendenti, catalizzando il bisogno disperato di
mostrare risultati a ogni costo. La paura del fallimento o delle conseguenze legate alla
mancata performance può creare un ambiente in cui gli individui sono più inclini a ricorrere
a scorciatoie e pratiche non etiche. Questa tensione psicologica può distorcere il processo
decisionale razionale, spingendo le persone sulla strada delle frodi poiché lo percepiranno
come l’unico modo per raggiungere le aspettative.
Inoltre, quando i bonus, le promozioni o la sicurezza del lavoro sono strettamente legati al
raggiungimento degli obiettivi, gli individui potrebbero giustificare comportamenti non
etici come un modo per garantire il proprio sostentamento. La mentalità del “fine giustifica
i mezzi”, sotto la spinta della pressione sugli obiettivi, può erodere le considerazioni etiche
e spingere i dipendenti a razionalizzare azioni fraudolente.


Erosione Etica: La Pendenza Scivolosa
La spinta inarrestabile a raggiungere gli obiettivi, unita alla paura delle ripercussioni per il
mancato raggiungimento, può creare una pendice scivolosa che erode gradualmente i
confini etici. I dipendenti potrebbero inizialmente impegnarsi in piccole omissioni o
rappresentazioni erronee, ritenendole inoffensive e necessarie per raggiungere gli obiettivi
complessivi. Tuttavia, nel tempo, queste azioni apparentemente innocue possono sfociare
in comportamenti più gravi, comprese pratiche fraudolente.
Man mano che i dipendenti si abituano a piegare le regole, la linea tra ciò che è eticamente
accettabile e ciò che non lo è diventa sfocata. La normalizzazione di piccole trasgressioni
getta le basi affinché gli individui si impegnino in atti fraudolenti più gravi. Questo
fenomeno, noto come “triangolo della frode”, comprende tre elementi: pressione,
razionalizzazione e opportunità. La pressione per raggiungere gli obiettivi agisce come
catalizzatore, mentre la razionalizzazione e l’opportunità completano la formula del
comportamento fraudolento.

Influenza Strutturale: Ruolo della Cultura Organizzativa
Il ruolo della cultura organizzativa nel plasmare i comportamenti non può essere
sottovalutato. Le aziende che pongono i risultati al di sopra di tutto, a volte ignorando i
mezzi, avallano involontariamente una cultura di assunzione di rischi e flessibilità
regolamentare. Quando i vertici comunicano che gli obiettivi sono non negoziabili, i
dipendenti potrebbero sentirsi costretti a ricorrere a azioni fraudolente se le vie legittime
sembrano insufficienti per raggiungere gli obiettivi.
Inoltre, una mancanza di controlli e bilanci, unita a una scarsa vigilanza, può creare un
ambiente in cui le attività fraudolente possono passare inosservate per periodi prolungati.
In tali contesti, i dipendenti potrebbero ritenere che le probabilità di essere scoperti siano
basse, incentivando ulteriormente il comportamento non etico.


Case Studies: La Connessione in Azione
L’esame di casi di studio concreti chiarisce ulteriormente la connessione tra la pressione
sugli obiettivi e le frodi aziendali. Lo scandalo Enron è un esempio lampante, dove la spinta
a mantenere un’apparenza di crescita costante ha portato a schemi contabili elaborati e
alla nascita di debiti. La pressione per soddisfare le aspettative degli investitori ha spinto i
dirigenti di Enron a ricorrere a pratiche fraudolente, portando infine al crollo dell’azienda.
Analogamente, Wells Fargo ha affrontato uno scandalo in cui i dipendenti hanno aperto
conti non autorizzati per raggiungere obiettivi di vendita incrociata irrealistici. La pressione
per raggiungere questi obiettivi ha portato i dipendenti a impegnarsi in pratiche
fraudolente, compromettendo l’integrità della banca e la fiducia dei clienti.
Strategie di Mitigazione
Per contrastare il rischio che la pressione sugli obiettivi porti alla frode, le organizzazioni
possono adottare un approccio articolato:

  1. Definizione di Obiettivi Realistici: Stabilire obiettivi raggiungibili, ma stimolanti, che
    ispirino i dipendenti senza schiacciarli.
  2. Cultura Etica al Centro: Favorire una cultura organizzativa etica che valorizzi l’integrità
    e la trasparenza, sottolineando che raggiungere obiettivi tramite mezzi non etici è
    inaccettabile.
  3. Protezione per i Segnalatori: Stabilire meccanismi che incoraggino i dipendenti a
    segnalare attività fraudolente senza temere ritorsioni.
  4. Audits Regolari: Implementare meccanismi di audit interni robusti per individuare
    tempestivamente irregolarità.
  5. Valutazione dei Rischi: Identificare i rischi potenziali legati agli obiettivi ad alta
    pressione e implementare strategie per mitigarli.
    Conclusioni
    La spinta a raggiungere obiettivi può senza dubbio stimolare innovazione, crescita e
    successo. Tuttavia, le aziende devono vigilare sul potenziale lato oscuro della pressione
    sugli obiettivi: la creazione di un ambiente favorevole alle attività fraudolente.
    Comprendendo le dinamiche psicologiche, etiche e strutturali in gioco, le aziende possono
    intraprendere azioni proattive per garantire che la ricerca dell’eccellenza sia saldamente
    ancorata a confini etici e legali. In definitiva, è responsabilità delle organizzazioni trovare

l’equilibrio tra ambizione e integrità, garantendo che la ricerca dell’eccellenza non avvenga
a discapito di compromessi etici.

×
Verificato da MonsterInsights